PONS presenta PONS

Hallo Welt! Le lingue ti aprono le porte del mondo.

PONS è una delle case editrici leader in Germania specializzate in lingue straniere. Dal 1978 pubblichiamo dizionari e materiali didattici per l’apprendimento delle lingue. Contraddistinti per il caratteristico colore verde e per l’elevatissimo livello, sono dedicati a chi desidera imparare e mettere in pratica le lingue straniere. La casa editrice PONS ha sede a Stoccarda e conta 80 collaboratori provenienti da 10 nazioni diverse e autori in tutto il mondo. La PONS GmbH fa parte del gruppo Klett con sede a Stoccarda.

La storia di PONS dal 1978 a oggi

Nel 1948 fu pubblicato a Stoccarda il primo dizionario di inglese con il marchio Klett, a cui seguì nel 1960 il primo dizionario di francese. Il marchio PONS, il cui nome fu coniato dall'editore Michael Klett, nacque nel 1978. Nello stesso anno vennero pubblicati i primi dizionari di inglese e francese con il marchio PONS. Da allora i titoli della PONS si riconoscono dal logo blu a puntini su sfondo verde. Oltre ai dizionari, dal 1980 vengono pubblicati con il marchio PONS anche corsi di lingua, grammatiche e altri materiali per l'apprendimento delle lingue.

La casa editrice PONS a Stoccarda

Per l’uso scolastico o lavorativo, in viaggio o nel tempo libero: PONS ha sempre il prodotto che fa al caso tuo. La nostra collana spazia dai classici libri e corsi di lingua per 32 lingue straniere dall’arabo all’ungherese, a più di 400 app linguistiche e al dizionario online per 21 lingue consultabile su www.pons.com.

Il dizionario online di PONS. Il pioniere del digitale

Nel 2001 PONS ha messo online il suo primo dizionario bilingue. All’epoca erano disponibili soltanto cinque combinazioni linguistiche: tedesco-francese, -inglese, -italiano, -polacco e -spagnolo, ciascuna con 120.000 lemmi e locuzioni. Oggi il dizionario online gratuito di PONS include oltre 40 dizionari in 21 lingue e una banca dati con 16 milioni di parole ed espressioni. Oltre ai dizionari online bilingui, PONS offre anche “Ortografia tedescaˮ e, in esclusiva nella sezione del dizionario online, “Tedesco come lingua stranieraˮ. L’ampia offerta è corredata da interessanti strumenti come le frasi esemplificative, i vocabolari specializzati, le tabelle dei verbi, la pronuncia audio, il trainer lessicale PONS o la traduzione automatica di testi, disponibili su www.pons.com.

Più di 80 milioni di utenti in tutto il mondo

Nel 2016, circa 80 milioni di utenti hanno tradotto oltre due miliardi di parole sul dizionario online di PONS. Oltre la metà di queste ricerche è stata effettuata mediante le applicazioni mobili del dizionario online. Grazie ai servizi offerti online, la pagina web di PONS è tra i 50 siti più visitati in Germania*. La nostra app gratuita “Traduttore PONS onlineˮ ha registrato più di quattro milioni di download e si è aggiudicata più volte il titolo di migliore app dell’anno per consultare dizionari**.

Il PONS Open Dictionary

Tutti possono fornire il proprio contributo al dizionario online di PONS: nell’Open Dictionary, in breve OpenDict, gli utenti PONS hanno la possibilità di inserire delle voci utente. La nostra redazione, composta da lessicografi madrelingua, verifica le proposte inserite e le pubblica nel dizionario online di PONS che, in questo modo, si arricchisce ogni anno di migliaia di nuove voci.

Segui questo link per vedere una breve presentazione (in tedesco) del dizionario online di PONS: https://www.youtube.com/watch?v=7YTCYfWyK3A

Hai domande, commenti, lodi o anche critiche da rivolgerci? Scrivici un messaggio via mail o sulla nostra pagina di Facebook:

info@pons.com

www.facebook.com/PONSverlag

Segui questo link per leggere le note legali della PONS GmbH: www.pons.com/shop/impressum/

*Ultimo aggiornamento in gennaio 2017, fonte: dati dell’Informationsgemeinschaft zur Feststellung der Verbreitung von Werbeträgern (IVW) – Associazione tedesca per l’accertamento della diffusione di mezzi pubblicitari, membro della IFABC (40° posto per PI, 42° per visite)

**Riconoscimento da parte dell’Android Apps Magazin (www.androidmag.de) 2013 - 2016


Pagina in